Monumentale città barocca dalle forme di un eccelso presepe vivente.

I primi insediamenti sulle colline di Scicli risalgono a quattro/cinque mila anni fa. Grazie alla presenza di sorgenti d’acqua si sono succeduti insediamenti Greci, Romani,Arabi, come nel resto dell’isola.

Fino al 1693 prima del terremoto il paese si trovava arroccato sulle colline e si affacciava a valle attorno alla chiesa di San Matteo. Dopo il terremoto la città si sviluppa a Valle con splendide architetture barocche sia religiose che civili.

Il suo centro storico è stato insignito del titolo di Patrimonio dell'Umanità da parte dell'UNESCO, La via Mormino Penna, per la ricca presenza di edifici del Settecento e il Palazzo Beneventano rappresentano un capolavoro del genio creativo umano dell'età tardo-barocca.

Le manifestazioni sono legate a diverse tipologie di turismo e religioso come quello che ha luogo al culmine della Settimana Santa, il giorno di Pasqua viene festeggiata la Resurrezione di Cristo, detto l'Uomo Vivo, al grido di "Gioia", la statua lignea del Cristo, opera settecentesca attribuita a Civiletti e custodita nella Chiesa di Santa Maria La Nova, viene portata in processione per le vie della città e fatta ondeggiare e ballare in segno di gioia per tutto il giorno sino a tarda ora.

'Taranta Sicily Fest: Festival di musica popolare che si tiene nel mese di agosto, promotrice dell'evento è l'associazione socio-culturale BAROCCO EVENTI, che mira alla diffusione di attività culturali

Natale a Scicli: nel quartiere storico di Scicli, la Cavuzza Di San Guglielmo si svolge il tradizionale presepe vivente, immerso in una vallata con una fitta vegetazione di fichi d'India.

E ancora la festa delle Milizie, i festeggiamenti che hanno inizio ogni anno, a fine maggio, durano una settimana. Il momento più significativo della festa è la rappresentazione teatrale.

______________________________________________________

Scicli is a beautiful baroque town that seems like a living crib. The first settlements developed on the hills of Scicli four-five thousand years ago. Thanks to the presence of torrents, Greeks, Romans and Arabs arrived in Scicli and in all over the island.

Until the earthquake in 1693 people lived on the hills around the church of St. Matteo, but after they moved to the valley and they built wonderful baroque architectures both religious and civil.

Its historical centre belongs to the Unesco heritage: the MorminoPenna street is rich of palaces of XVIII century and Palazzo Beneventano is considered a late-baroque masterpiece.

During the year there are different events: for example on the Holy Week, the Easter day, there is the resurrection of Christ, known as “ l’Uomo Vivo”. People carry on a wood statue that represent Christ’s resurrection: it’s a work of XVIII century attributed to Civiletti and preserved inside the church of Saint Mary la Nova. This statue is carried in procession among the streets and people move and dance with it and shout“ gioia “ for all the day until late evening.

Taranta Sicily Fest: it’s a festival of popular music in august, organized by BAROCCO EVENTI, 

n association that want to promote cultural activities.

Christmas in Scicli: in the historical district of Scicli, in Cavuzza of St. Guglielmo, there is the traditional living crib, inside a valley full of prickly pears. “ FestadelleMilizie “: every year, at the end of May, it lasts all the week. A particular moment is the performance.

___________________________________________________________________

Con Trenino Barocco vedrai :

il centro storico di Scicli 

i monumenti Unesco più importanti magnifici panorami e i luoghi più visitati della Fiction Montalbano.

Con il ticket di Trenino Barocco Città di Scicli è possibile visitare Modica e Ragusa Ibla con uno sconto di 1 euro sugli altri biglietti dunque il ticket sarà di €uro 4,00 ed i bimbi sono sono sempre ospiti nostri gratuitamente.

____________________________________________________________

Get on board! You will see the historical centre concerning lower and upper town, the most important UNESCO monuments and Montalbano’s places.